Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa sulla privacy. Proseguendo la navigazione o cliccando su "Chiudi" acconsenti all'uso dei cookie. Chiudi
vai al contenuto vai al menu principale vai alla sezione Accessibilità vai alla mappa del sito
Login  Docente | Studente | Personale | Italiano  English
 
Home page Home page

LABORATORIO DI RESTAURO

Corso Scienze dell'architettura
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2018/2019

Modulo: RESTAURO ARCHITETTONICO

Corso Scienze dell'architettura
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2018/2019
Crediti 8
Settore Scientifico Disciplinare ICAR/19
Anno Terzo anno
Unità temporale
Ore aula 80
Attività formativa Attività formative caratterizzanti

Canale unico

Docente ALESSANDRA MANIACI
Obiettivi l corso si propone di fornire gli strumenti metodologici e operativi per affrontare il progetto di intervento sul monumento e sul costruito storico, stimolando la riflessione sui fondamenti teorici della disciplina del restauro architettonico e confrontandosi con le sollecitazioni e le esigenze di un nuovo uso compatibile dell'esistente. Il tema del corso di restauro è il progetto della conservazione del patrimonio architettonico:
pertanto l'obiettivo, è quello di offrire allo studente un metodo di approccio al manufatto da preservare che interpreti, attraverso un'attenta ricerca storica e un'indagine accurata della geometria della struttura, le fasi di costruzione e di evoluzione dell'edificio, la lettura e l'analisi del suo stato di conservazione, dei fenomeni intrinseci ed estrinseci che lo hanno provocato, ed infine individuare i rimedi per una buona conservazione ; in ultimo delineare le linee guida per un riuso compatibile.
RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI

Conoscenza e capacità di comprensione
capacità di applicare conoscenza e comprensione

autonomia di giudizio

-abilità comunicative
. capacità di apprendimento

CONOSCENZE E CAPACITA' DI COMPRENSIONE : acquisizione delle capacità di lettura del costruito storico nelle sue caratteristiche architettoniche formali e materiche ;
CAPACITA' DI di sviluppare diagnosi individuando i fenomeni di degrado e di dissesto e proporre metodiche di intervento di restauro
.CAPACITA' di integrazione tra i fondamenti teorici del restauro , le problematiche operative del progetto di restauro connesso alla conoscenza dei materiali costituenti gli edifici storici e le soluzioni progettuali

Programma Il corso di teoria del restauro affronterà le seguenti tematiche:
- Introduzione al restauro architettonico. Rapporti con le altre discipline. Questioni terminologiche.
- Significato e ruolo del monumento nella tradizione pre-moderna. Il medioevo: continuità, distacco, conoscenza dell’antico. Rinascita e restauro dell’antichità nel Cinquecento: l’atteggiamento nei confronti del Medioevo. Il rinnovamento religioso e l’attenzione per le antichità cristiane nel secondo Cinquecento. Sviluppi nell’età barocca .
- La nascita del restauro moderno: il Settecento.
Il restauro in pittura e scultura: patina, autenticità e reversibilità; la figura del restauratore e il ruolo degli eruditi: L. Crespi; B. Cavaceppi e J.J. Winckelmann; P. Edwards a Venezia.
- Restauro, archeologia, neoclassicismo: le esperienze sui monumenti antichi a Roma e in Italia nel primo Ottocento.
La legislazione e l’organizzazione della tutela negli stati preunitari italiani.
- Tutela e conservazione in Francia. Il museo di A. Lenoir. Le posizioni di A.-Ch. Quatremère de Quincy. La fase “empirica” del restauro. L’attività della Commission des Monuments Historiques e la formazione dei principi del restauro stilistico.
- E .E. Viollet-le-Duc. La produzione teorica: il Dictionnaire. I principali interventi di restauro: la Madeleine a Vézelay; Notre-Dame a Parigi; il palazzo sinodale di Sens; Carcassonne; il castello di Pierrefonds.
- Indirizzi estetici e letterari nell’Inghilterra del Settecento: il giardino e il rudere. La ricaduta sul restauro: J. Wyatt. Fondamenti etici nella rivalutazione del passato: A.W. Pugin. Il pensiero di John Ruskin e la sua diffusione europea. Restauro e revival nell’Ottocento inglese: G.G. Scott. W. Morris e l’opera della Society for Protection of Ancient Buildings.
- Restauro e dibattito architettonico in Italia alla metà dell’Ottocento. Camillo Boito: i principi teorici, le realizzazioni e l’influenza sul dibattito nazionale.
- Conservazione e ripristino in Italia nel secondo Ottocento. Il rapporto storia-restauro in L. Beltrami. L’organizzazione del servizio nazionale di tutela. Conoscenza e reinvenzione del passato: A. D’Andrade e A. Rubbiani.
- L’apertura al tema della città: C. Sitte, Ch. Buls. G. Giovannoni. Vecchie città ed edilizia nuova. Il metodo storiografico; le posizioni teoriche sul restauro e le realizzazioni.
- Il secondo dopoguerra e il problema della ricostruzione. Il restauro come atto critico: Pica, Pane, Bonelli. La Carta di Venezia.
- Il pensiero di Cesare Brandi: presupposti, articolazioni concettuali, esiti applicativi.
- Attualità del contributo di Alois Riegl al restauro e alla conservazione.
- Il dibattito 1970-2000: la “pura conservazione” e l’attenzione per la cultura materiale; la conservazione integrata.
- Teoria e prassi del restauro oggi: il tema dell'autenticità; l’architettura contemporanea e l’intervento sulle opere del passato; il restauro dell’architettura del Novecento. Nuovi ruoli della conservazione: dall’estetica all’età moderna
Il programma di restauro architettonico
1. LINEE GUIDA PER IL RESTAURO, le principali posizioni teoriche del dibattito in corso in relazione ad alcune problematiche strettamente legate al progetto: autenticità, minimo intervento, reversibilità, riuso, accessibilità; conoscenza storica e progetto;
2 LETTURA e ANALISI: rilievo e ricerca: l'architettura intesa come palinsesto: la stratificazione: la ricerca storica (fonti bibliografiche, iconografiche) la ricerca d'archivio; il rilevamento fotografico, il rilievo, la lettura stratigrafica;
3. LETTURA E ANALISI DELLA STRUTTURA E DEI MATERIALI: RILIEVO DELLO STATO DI FATTO DEGRADI E DISSESTI (UNI11182/2006)
4. PROGETTO DEGLI INTERVENTI DI RESTAURO CONSERVATIVO
TEMI PRINCIPALI
1. LINEE GUIDA PER IL RESTAURO, le principali posizioni teoriche del dibattito in corso in relazione ad alcune problematiche strettamente legate al progetto: autenticità, minimo intervento, reversibilità, riuso, accessibilità, conoscenza storica e progetto;
2. LETTURA E ANALISI, rilievo e ricerca: l'architettura intesa come palinsesto, la ricerca storica (fonti bibliografiche, iconografiche) la ricerca d'archivio, il rilevamento fotografico, il rilievo geometrico ed architettonico, la lettura stratigrafica relativa alle indagini sui materiali costitutivi;
3. LETTURA E ANALISI DELLA STRUTTURA E DEI MATERIALI: rilievo dello stato di fatto degradi e dissesti (UNI11182/2006)
4. PROGETTO DEGLI INTERVENTI DI RESTAURO CONSERVATIVO

Il corso si articola in due fasi: nella prima si affronteranno in generale i temi relativi alla conoscenza, alla tutela e allo sviluppo delle teorie del restauro in senso cronologico.
Nella seconda fase saranno approfonditi i temi relativi alla lettura del costruito attraverso il rilievo, la lettura dei materiali e degli apparati architettonici e decorativi; in seguito attraverso l'analisi dello "stato di fatto" si riscontreranno le principali alterazioni e patologie dei materiali. L'approfondimento di questi temi sarà realizzato attraverso le esercitazioni. Alcuni seminari su argomenti specifici saranno di supporto all'approfondimento dei temi e delle problematiche principali del restauro e della conservazione.

Si ritiene necessaria la consultazione delle principali riviste sul restauro: in particolare “Restauro”, “Ananke”, “Archistor”, “Confronti. Quaderni di restauro architettonico”.

SCHEDA ESERCITAZIONE
Il corso affronterà le tematiche principali attraverso un’esercitazione che si terrà presso il Comune di Castroreale, dove si sono individuati degli edifici di pregio storico-architettonico che gli studenti dovranno analizzare. Gli studenti verranno suddivisi in gruppi a cui sarà affidato un singolo manufatto. Il lavoro verterà sulle seguenti fasi:
- Conoscenza
- Lettura
- Analisi
- Progetto
Attraverso i seguenti elaborati:
- Inquadramento territoriale
- Ricerca storica del sito, del manufatto in particolare, regesto
- Rilievo fotografico
- Rilievo geometrico (trilaterazione esterna ed interna, coltellazione) scala 1:100 (piante, prospetti, sezioni)
- Rilievo dei materiali costitutivi, attraverso il ridisegno architettonico dell’edificio in scala 1:100 (piante, prospetti, sezioni)
- Rilievo dei degradi e dei dissesti di cui l’edificio è colpito, secondo le indicazioni della UNI11182/2006 per i materiali lapidei, mentre per gli ulteriori materiali presenti saranno date indicazioni durante le lezioni; analisi delle cause e degli interventi da attuare in vista della funzione d’uso in scala 1:100 (piante, prospetti, sezioni)
- Masterplan progetto di riuso



Testi docente G. CARBONARA (a cura di), Trattato di restauro architettonico, Utet, Torino 1996, Voll. I-IV ; Voll. V-VII (Impianti); Voll. IX-XI (ed aggiornamenti);
S. F. MUSSO (a cura di), Recupero e restauro degli edifici storici. Guida pratica al rilievo e alla diagnostica, II edizione, EPC libri, Roma 2006;
E. GIURIANI, Consolidamento degli edifici storici , Utet - Scienze e Tecniche, Torino 2012, ISBN 978-88—598-0763-6;
C. CAMPANELLA, Il rilievo degli edifici, metodologie e tecniche per il progetto di intervento, Dario Flaccovio editore, Palermo 2017, ISBN 9788857906515;
G. CARBONARA, Avvicinamento al restauro. Teoria, storia, monumenti, Liguori, Napoli 1997;
Altro materiale didattico sarà fornito durante le lezioni.
Erogazione tradizionale
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Descrizione Descrizione
UNINORMAL (dispensa) Descrizione
PROGRAMMA laboratorio di restauro architettonico 2018-2019 (programma) Descrizione
PROGRAMMA laboratorio di restauro architettonico 2018-2019 (programma) Descrizione
scheda trasparenza 2018-2019 maniaci-sulfaro (programma) Descrizione

Elenco dei rievimenti:

Descrizione Avviso
Ricevimenti di: Alessandra Maniaci
per il secondo semestre il ricevimento avrà luogo il mercoledì mattina dalle 10.30 alle 13.00. e il martedì dopo la lezione . per i laureandi è gradita un mail e potrà aver luogo il martedì mattina dopo le 11.00
Avviso
Nessuna lezione pubblicata

Modulo: TEORIE DEL RESTAURO

Corso Scienze dell'architettura
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2018/2019
Crediti 4
Settore Scientifico Disciplinare ICAR/19
Anno Terzo anno
Unità temporale
Ore aula 40
Attività formativa Attività formative affini ed integrative

Canale unico

Docente NINO SULFARO
Obiettivi Nella prima (corso di Teoria del Restauro – I semestre) si affronteranno in generale i temi relativi alla conoscenza, alla tutela e allo sviluppo delle teorie del restauro in senso cronologico.

Programma N.D.
Testi docente N.D.
Erogazione tradizionale No
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale No
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto No
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata

Cerca nel sito

 

Posta Elettronica Certificata

Direzione

Tel +39 0965.1696501

Fax +39 0965.1696550

Indirizzo e-mail


Biblioteca

Tel +39 0965.1696320

Fax +39 0965.1696550

Indirizzo e-mail

Segreteria didattica

Tel +39 0965.1696180

Fax +39 0965.1696550

Indirizzo e-mail


Segreteria amministrativa

Tel +39 0965.1696510

Fax +39 0965.1696550

Indirizzo e-mail

Segreterie CdL

Tel +39 0965.1696323

Fax +39 0965.1696550

Indirizzo e-mail

Orientamento

Indirizzo e-mail

Social

Facebook

Twitter

YouTube

Instagram